X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Installazione della colonnina di ricarica con aliquota IVA variabile

/ REDAZIONE

Mercoledì, 15 luglio 2020

x
STAMPA

Se la fornitura e l’installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici destinate a uso privato avviene unitamente all’impianto fotovoltaico, l’operazione beneficia dell’aliquota IVA del 10%. Qualora la colonnina sia installata autonomamente, invece, trova applicazione l’aliquota IVA ordinaria. Si tratta del principale chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 218 pubblicata ieri, 14 luglio 2020.

Con riguardo al caso in esame, l’Agenzia delle Entrate ha osservato che la colonnina di ricarica del veicolo elettrico è destinata esclusivamente a uso privato. Di conseguenza, non può essere considerata un’opera di urbanizzazione primaria che beneficia dell’aliquota IVA del 10%, in quanto non soddisfa esigenze e interessi collettivi di primario spessore.
L’installazione della colonnina di ricarica non può rientrare, di per sé, nemmeno nella fattispecie di cui al n. 127-quinquies della Tabella A, Parte III, allegata al DPR 633/72; relativa, fra l’altro, agli impianti di produzione e reti di distribuzione calore-energia e di energia elettrica da fonte solare-fotovoltaica ed eolica. La colonnina consente, infatti, il solo trasferimento di elettricità a un veicolo elettrico per ricaricarlo (art. 2 comma 1 lett. d) e h) del DLgs. 257/2016).
L’aliquota IVA del 10% prevista per tali impianti è applicabile anche alla colonnina di ricarica, tuttavia, se la stessa è fornita e installata unitamente all’impianto fotovoltaico, “in modo da costituire un tutt’uno, magari nell’ambito di un contratto di appalto”.

La fattispecie oggetto dell’istanza di interpello riguardava una colonnina di ricarica installata in un’abitazione. L’Agenzia delle Entrate ha precisato, comunque, che le predette considerazioni si applicano anche se le colonnine sono fornite e installate a favore di un soggetto titolare di partita IVA per ricaricare i propri mezzi aziendali o strumentali.

TORNA SU