X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Credito ipotecario ammesso al passivo con controllo successivo sull’esistenza del bene

/ REDAZIONE

Mercoledì, 15 luglio 2020

x
STAMPA

Con la sentenza n. 14960, depositata ieri, la Corte di Cassazione, nel solco dell’orientamento prevalente, ha rimarcato il principio secondo il quale al creditore che chiede di essere ammesso al passivo fallimentare in rango ipotecario è possibile riconoscere la predetta collocazione anche se il bene su qui grava la garanzia non faccia attualmente parte dell’attivo fallimentare.

Viene riproposta la questione relativa alla necessità dell’effettiva e attuale esistenza del bene ai fini dell’ammissione al passivo, ovvero alla possibilità di ammettere comunque al rango privilegiato il credito, postergando il controllo sull’esistenza del bene, sul quale cade il privilegio, nella fase della graduazione dei crediti finalizzata riparto (cfr. Cass. SS. UU. n. 16060/2001 e Cass. n. 17329/2017).

La Suprema Corte aderisce all’indirizzo recentemente ribadito dalla pronuncia n. 5341/2019, secondo il quale l’ammissione al passivo fallimentare di un credito ipotecario è possibile anche se il bene su cui grava la garanzia non faccia parte dell’attivo, purché, secondo il disposto dell’art. 93 del RD 267/42 (nella versione introdotta dal DLgs. 5/2006), la domanda di insinuazione descriva le oggettive ragioni della potenziale acquisizione del bene alla procedura e contenga anche la descrizione del bene su cui si intende far valere la prelazione.

L’effettivo dispiegarsi della prelazione in sede di riparto, tuttavia, resterà subordinato all’avvenuto recupero del bene in garanzia al compendio fallimentare.

TORNA SU