X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 19 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La perdita su crediti non dichiarata salva dalla cartella di pagamento

Giurisprudenza tollerante sull’errore dichiarativo

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 10 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La dichiarazione dei redditi, sia in fase accertativa che durante il contenzioso tributario, può essere emendata facendo valere l’errore o l’omissione che ha cagionato la determinazione di una maggiore imposta.

A tal fine, è sufficiente, nelle memorie difensive ad esempio a seguito di avviso bonario o nel ricorso, dimostrare in che termini l’errore si è riverberato in dichiarazione.
Non è necessario che, materialmente, il contribuente presenti o abbia presentato una dichiarazione integrativa.
Tale principio è ormai pacifico, essendo stato enunciato sia dalle Sezioni Unite (Cass. SS.UU. 30 giugno 2016 n. 13378), sia dal legislatore, che, con il DL 193/2016, ha modificato in questo senso l’art. 2 del DPR 322/98.

In giurisprudenza è stata accolta una nozione particolarmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU