X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Più tempo per la dichiarazione IVA tardiva del 2019

I 90 giorni per la presentazione dovrebbero decorrere dal 30 giugno anziché dal 30 aprile 2020

/ Mirco GAZZERA

Venerdì, 18 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Entro lunedì 28 settembre 2020, sembra ancora possibile in termini sistematici trasmettere il modello IVA per il 2019 (cfr. circ. Assonime n. 6/2020); infatti, le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza del termine sono considerate valide, salva l’applicazione delle sanzioni amministrative per il ritardo (artt. 8 comma 6 e 2 comma 7 del DPR 322/98). Quest’anno la data di riferimento dalla quale decorrono i 90 giorni dovrebbe essere il 30 giugno 2020, considerata la proroga per l’emergenza da coronavirus stabilita dall’art. 62 commi 1 e 6 del DL 18/2020 (si veda “Dichiarazione IVA «correttiva nei termini» sino al 30 giugno” del 15 giugno 2020).

Secondo quanto precisato dalla prassi amministrativa (cfr. C.M. n. 23/99, § 2.2; circ. Agenzia delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU