X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’eliminazione della clausola di prelazione non ha valenza parasociale

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 18 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di circolazione delle partecipazioni sociali, un tema di particolare interesse risulta essere quello relativo alla legittimità delle deliberazioni assembleari tese a eliminare, a maggioranza, clausole statutarie di prelazione, e comunque ai rischi di abuso correlati a tali decisioni.

Al riguardo, il Tribunale di Milano, in una ordinanza del 22 gennaio 2015, dopo aver riconosciuto la legittimità di una decisione a maggioranza tesa alla soppressione della clausola di prelazione, ha evidenziato come, nel caso in cui essa sia adottata da due soci i quali il giorno successivo alla soppressione della detta clausola (e quindi senza offrire in prelazione le azioni agli altri soci) procedano alla cessione delle partecipazioni, sia da ravvisare “un caso paradigmatico di abuso della maggioranza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU