X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Pro rata non applicabile in assenza di operazioni attive

/ Luca BILANCINI e Mirco GAZZERA

Mercoledì, 19 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I soggetti passivi che esercitano sia attività che danno luogo a operazioni che conferiscono il diritto alla detrazione, sia attività che danno luogo a operazioni esenti IVA, determinano l’imposta ammessa in detrazione con il metodo del pro rata (art. 19 comma 5 del DPR 633/72). In alcuni documenti di prassi risalenti, l’Amministrazione finanziaria ha esaminato talune situazioni particolari, come l’assenza di operazioni esenti IVA o di operazioni attive nel corso dell’anno, oppure il venir meno dell’esenzione IVA prevista per le prestazioni di servizi effettuate, a fronte di una modifica normativa.

Nel corso dell’anno, i soggetti passivi che applicano il pro rata devono utilizzare provvisoriamente la percentuale di detrazione dell’anno precedente, salvo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU