X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Risarcimento per mancata vendita delle azioni senza pex

Per l’Agenzia delle Entrate, infatti, non si tratta di una somma qualificabile come plusvalenza su partecipazioni, ma di una sopravvenienza attiva

/ Salvatore SANNA

Sabato, 8 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta n. 254, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate interviene sul trattamento fiscale delle somme ricevute da una società di capitali a titolo di risarcimento in relazione alla perdita derivante dalla mancata vendita di un pacchetto azionario a un’altra società.
In particolare, le azioni sono poi state vendute dalla società a un’altra controparte a un prezzo inferiore e, dopo una fase contenziosa, è stato stipulato un accordo di transazione con il mancato acquirente che prevede la corresponsione di una somma a saldo e stralcio di ogni e qualunque pretesa e credito vantati nei suoi confronti.

Ci si interroga, quindi, se il provento realizzato possa applicare il regime fiscale previsto per le plusvalenze patrimoniali di cui all’art. 86 del TUIR e, ricorrendone ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU