X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Revisione su istanza di parte ammessa anche per la rappresentanza in dogana

Nessuna disposizione del codice doganale vieta che tale elemento della dichiarazione possa essere modificato

/ Valeria BALDI

Sabato, 8 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia, con sentenza del 16 luglio 2020, resa nella causa C-97/19, si è pronunciata in materia di revisione su istanza di parte, chiarendo come tale istituto abbia l’obiettivo di far coincidere i dati emergenti dalla dichiarazione doganale con la situazione reale: alla luce di tale finalità, oggetto della revisione può essere anche l’esistenza di un rapporto di rappresentanza indiretta, non evidenziato al momento della presentazione della dichiarazione.

Nella fattispecie sottoposta all’esame dei giudici europei, una società controllata, titolare di un certificato d’importazione per zucchero di canna, ha conferito mandato alla propria controllante per l’effettuazione delle relative operazioni doganali.
La società controllante ha proceduto all’importazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU