X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Casistica articolata per la qualifica convenzionale delle royalties

La linea di demarcazione con i compensi rientranti in altri articoli del modello di Convenzione risulta, in più casi, molto labile

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 12 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella valutazione del regime convenzionale da applicare ai flussi di reddito transnazionali alcuni aspetti di maggiore complessità si rinvengono per le royalties.

La corretta distinzione tra ciò che ricade ai fini convenzionali tra le royalties e ciò che, invece, ricade in altre categorie reddituali (in primis gli utili delle imprese “ordinari”) risulta essenziale, posto che nel primo caso sussiste la tassazione concorrente nello Stato della fonte e nello Stato di residenza (quanto meno, per la gran parte delle Convenzioni stipulate dall’Italia), mentre nel secondo l’impresa è tassata all’estero solo se ha una stabile organizzazione nell’altro Stato.

In termini generali, la prassi OCSE (Commentario all’art. 12, § 8.2) conferma che le royalties si originano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU