X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 19 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Senza domicilio digitale rischio di sospensione per il professionista

Se non ha già adempiuto, il professionista deve farlo al più tardi entro 30 giorni dalla diffida del Collegio o Ordine di appartenenza

/ Cecilia PASQUALE

Giovedì, 13 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 37 del DL 76/2020 (DL “Semplificazioni”) è intervenuto sulla disciplina relativa all’obbligo di imprese (in forma societaria e individuale) e professionisti di comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata al Registro delle imprese o all’albo o elenco di appartenenza, sostanzialmente introducendo sanzioni per il caso di inadempimento.
La modifica legislativa intende favorire la semplificazione delle comunicazioni telematiche tra imprese, professionisti e pubbliche amministrazioni, nel rispetto della disciplina europea e del Codice dell’amministrazione digitale (DLgs. 82/2005).

Con particolare riferimento ai professionisti iscritti in albi ed elenchi, il nuovo art. 16 comma 7 del DL 185/2008 prevede che questi siano tenuti a comunicare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU