X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Contabilizzazione della fiscalità differita se dalla fusione emerge un disavanzo

Maggiori valori iscritti a incremento del valore di specifici beni o diritti che la società risultante o incorporante «eredita» dalla fusa o incorporata

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 20 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se la società incorporante o risultante dalla fusione redige il proprio bilancio secondo principi contabili nazionali, essa procede alla rilevazione delle attività e delle passività, “trasferite” dalla società fusa o incorporata, secondo il principio della continuità dei valori contabili e della rilevazione delle differenze di fusione (avanzi e disavanzi) previsto dall’art. 2504-bis c.c., anziché secondo il “metodo del costo al fair value” previsto dal principio contabile internazionale IFRS 3.

L’art. 2504-bis c.c. stabilisce che, se per effetto della fusione emerge un disavanzo, la società risultante o incorporante deve imputarlo, ove possibile, agli elementi dell’attivo e del passivo delle società partecipanti alla fusione e, per differenza e nel rispetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU