Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Mutamento di aliquota nel deposito IVA con effetti sulla fatturazione

/ Maria Giulia BORSA e Emanuele GRECO

Mercoledì, 11 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella prassi degli scambi commerciali, non è infrequente l’ipotesi in cui vengano introdotte in un deposito IVA materie prime o semilavorati per essere ivi sottoposti a processi che ne modifichino la natura, conclusi i quali i prodotti finiti che ne derivano sono estratti per essere commercializzati nel territorio dello Stato.

In tale circostanza, al momento dell’estrazione della merce dal deposito, potrebbe non esserci corrispondenza tra il valore iniziale di introduzione dei beni e quello finale, così come potrebbe variare la classificazione merceologica dei medesimi. Pertanto, potrebbe essere necessario apportare le dovute variazioni in termini di base imponibile IVA ai sensi dell’art. 50-bis comma 6 del DL 331/93 e individuare la corretta aliquota applicabile ai prodotti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU