X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nella manovra sul 2021 misure prorogate e non rese strutturali

Stima di «effetti di retroazione fiscale» a copertura della legge di bilancio per ben 12,9 miliardi nel 2022 e 7,1 miliardi nel 2023

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 21 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La manovra sul 2021 che emerge dal Documento programmatico di bilancio (DPB) del Governo è di 30,5 miliardi di euro, di cui 24,7 finanziati in deficit, 3,5 coperti mediante risorse europee nell’ambito dello strumento Next Generation Ue e 2,3 coperti mediante tagli di spese non specificati nel dettaglio.

Di questi 30,5 miliardi, la voce più importante dal punto di vista quantitativo è quella che riguarda gli incentivi per il Sud (6,8 miliardi di euro), fermo restando che, saldi finanziari del DPB 2021 alla mano, si tratta di misure prorogate per il solo anno 2021 e non quindi di misure rese strutturali.

Di tutto il gran parlare che si è fatto in questi ultimi mesi di “epocale riforma dell’IRPEF” (con il dibattito, a tratti surreale, tra “aliquota continua alla tedesca ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU