X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Scioglimento delle società semplici immobiliari redditualmente irrilevante

La cessione di immobili detenuti da oltre 5 anni con distribuzione del ricavato ai soci o la loro assegnazione non generano alcun presupposto

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Venerdì, 30 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La distribuzione ai soci di una società semplice del ricavato della vendita di tutti i relativi beni, rappresentati da immobili diversi da un’area fabbricale e detenuti da oltre cinque anni, o l’assegnazione a loro favore di questi ultimi, con contestuale suo scioglimento, sono percorsi privi di riflessi reddituali: in questo senso si sono espresse nel 2019, sullo stesso caso, la DRE Veneto e la DRE Emilia-Romagna, con risposte a interpelli ex art. 11 comma 1 lett. a) della L. n. 212/2000, non pubblicate, in linea sostanzialmente con i precedenti della DRE Lombardia 22 aprile 2013 n. 904-91/2013 e della DRE Piemonte 29 settembre 2017 n. 901-526/2017.

La fattispecie oggetto di confronto preventivo, in particolare, ha avuto a oggetto una società, Alfa, titolare da oltre un quinquennio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU