X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

IL CASO DEL GIORNO

Persiste il contrasto sull’inesistenza in reverse charge

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 2 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disciplina sanzionatoria, e il connesso disconoscimento della detrazione, in caso di operazioni inesistenti in reverse charge continua ad essere oggetto di interpretazioni discordanti.
Il contrasto non è passato inosservato in Cassazione, posto che la questione è stata rimessa alla pubblica udienza nella pronuncia della Suprema Corte del 19 dicembre 2017 n. 30465.

Per effetto delle innovazioni del DLgs. 158/2015, l’art. 6 comma 9-bis.3 del DLgs. 471/97 prevede, per l’indebito assolvimento dell’IVA tramite inversione contabile in caso di operazioni esenti o non imponibili, che l’Ufficio neutralizza l’operazione espungendo il credito e il debito nelle liquidazioni evitando di disconoscere la detrazione.

L’ultimo periodo della norma stabilisce: “La disposizione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU