X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con un ingente capitale la fondazione diviene soggetto passivo IVA

Le Entrate hanno reso il chiarimento esaminando il caso della realizzazione di una casa di cura

/ Emanuele GRECO e Paola RIVETTI

Sabato, 7 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta a interpello n. 532/2020 dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata ieri, ha analizzato il trattamento fiscale dell’attività di affidamento di una struttura per anziani da parte di una fondazione.

In prima analisi, viene analizzata la qualifica soggettiva, ai fini IVA, della fondazione.
Al riguardo, si rammenta che, a livello comunitario, l’art. 9 della direttiva 2006/112/Ce stabilisce che è soggetto passivo IVA “chiunque esercita, in modo indipendente e in qualsiasi luogo, un’attività economica, indipendentemente dallo scopo o dai risultati di detta attività”. Essa è da intendersi come “sfruttamento di un bene materiale o immateriale per ricavarne introiti aventi carattere di stabilità”.

Verificati i suddetti principi nel caso di specie, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU