X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

NOTIZIE IN BREVE

Istanze per il contributo alle imprese di ristorazione fino al 28 novembre

/ REDAZIONE

Martedì, 17 novembre 2020

x
STAMPA

Le domande per il contributo a fondo perduto di cui all’art. 58 del DL 104/2020 per le imprese della filiera della ristorazione (c.d. “Fondo ristorazione”) possono essere presentate attraverso il Portale della ristorazione dal 15 novembre 2020 e fino alle 23:59 del 28 novembre 2020, o attraverso gli sportelli del Concessionario dal 16 novembre 2020 e fino al 28 novembre 2020 negli orari di Sportello.
Il contributo viene erogato indipendentemente dalla priorità di presentazione delle domande (cfr. avviso Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali n. 9310301/2020).

Si ricorda che l’art. 58 del DL 104/2020 convertito e il DM 27 ottobre 2020 riconoscono un contributo a fondo perduto alle imprese, in attività alla data del 15 agosto 2020, avviate a decorrere dal 1° gennaio 2019 o il cui ammontare del fatturato medio dei mesi da marzo a giugno 2020 sia inferiore ai tre quarti dell’ammontare del fatturato medio dei mesi da marzo a giugno 2019, registrate con i seguenti codici ATECO:
- 56.10.11 (ristorazione con somministrazione);
- 56.29.10 (mense);
- 56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale);
- 56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole);
- 56.21.00 (catering per eventi, banqueting);
- limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo, 55.10.00 (alberghi).

Il contributo è riconosciuto per l’acquisto, effettuato dopo il 14 agosto 2020 e comprovato da idonea documentazione fiscale, di prodotti di filiere agricole e alimentari, inclusi quelli vitivinicoli, anche DOP e IGP, che valorizzano la materia prima di territorio. Per prodotti di filiere alimentari si intendono anche i prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

Il contributo non può mai essere superiore all’ammontare complessivo degli acquisti. Tale ammontare degli acquisti non può essere inferiore ai 1.000 euro né superiore a 10.000 euro, esclusa IVA.

TORNA SU