X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 25 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Assenze dal lavoro per COVID-19 con tre casistiche ricorrenti

/ REDAZIONE

Martedì, 17 novembre 2020

x
STAMPA

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha pubblicato nella giornata di ieri un approfondimento che analizza le assenze dal lavoro da parte del dipendente, legate al periodo di emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del COVID-19. Il documento esamina tre casistiche piuttosto ricorrenti: lavoratore che presenta, prima o dopo l’accesso in azienda, sintomi da COVID-19; lavoratore che ha avuto contatti con persona positiva; lavoratore che ha avuto contatti con un sospetto caso di COVID-19.

In particolare, nella prima casistica, al lavoratore che presenta una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi viene impedito l’accesso in azienda. Invece, se il lavoratore accusa sintomi da infezione respiratoria e febbre sopra i 37,5 gradi durante la prestazione lavorativa, deve subito contattare il proprio datore di lavoro o responsabile. Si ricorda, infatti, che tutti i soggetti con infezione respiratoria caratterizzata da febbre (maggiore di 37,5 gradi) devono rimanere presso il proprio domicilio, contattando il proprio medico curante (art. 1 comma 9 lett. a) del DPCM 3 novembre 2020).

Nel secondo caso, invece, il lavoratore entrato in contatto con un soggetto positivo deve avvisare il proprio datore di lavoro nonché il proprio medico di medicina generale. Il lavoratore potrà essere soggetto a rispettare periodi di isolamento fiduciario o quarantena obbligatoria, con conseguente impossibilità di recarsi al lavoro.

Infine, il lavoratore non è tenuto a particolari adempimenti nell’ipotesi in cui sia entrato in contatto con un caso sospetto, non ancora accertato (fermo restando l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e il rispetto di tutte le misure anticontagio).

TORNA SU