X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

FISCO

La DRE può difendersi se citata indebitamente in giudizio

Scongiurata l’inammissibilità del ricorso se si sbaglia «articolazione»

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 27 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza depositata ieri, 26 novembre 2020, n. 26977, ha sancito che, in caso di ricorso contro il diniego di interpello in tema di società non operative, la legittimazione, comunque, spetta alla Direzione provinciale di domicilio fiscale del contribuente, nonostante la risposta provenga dalla DRE.

Appaiono interessanti alcuni principi che emergono dalla sentenza, nonostante la fattispecie non sia più attuale. A seguito dell’art. 6 del DLgs. 24 settembre 2015 n. 156, infatti, il legislatore ha sancito che le risposte rese a seguito di interpello non sono impugnabili, in quanto ogni tutela dovrà essere esperita in seno al ricorso contro il successivo avviso di accertamento.

Nel caso di specie, l’interpello, come da normativa, veniva inoltrato alla Direzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU