X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

NOTIZIE IN BREVE

Il MEF ufficializza la proroga al 10 dicembre di dichiarazioni e versamenti

/ REDAZIONE

Venerdì, 27 novembre 2020

x
STAMPA

Ufficializzata, ancorché tramite comunicato stampa del MEF, la proroga dal 30 novembre al 10 dicembre della scadenza per il versamento degli acconti IRPEF, IRES e IRAP e la presentazione delle dichiarazioni dei redditi e IRAP. La notizia era stata anticipata ieri nel corso del convegno “Obiettivo Futuro” organizzato dall’ANC.

Il provvedimento verrà inserito nel decreto legge “Ristori quater”, in corso di adozione. Nella nota stampa appena diffusa si preannuncia anche una proroga più ampia per le imprese non interessate dagli ISA, ovunque localizzate, che hanno conseguito nel periodo d’imposta precedente a quello in corso ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro e che, nel primo semestre 2020, hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto al primo semestre 2019.

Per tali imprese, il termine per il versamento della seconda o unica rata degli acconti delle imposte sui redditi e IRAP sarà spostato al 30 aprile 2021. Stessa scadenza anche per i soggetti non interessati dagli ISA, ma che ricadono nei settori economici individuati nei due allegati al decreto-legge “Ristori bis” e hanno domicilio fiscale o sede operativa nelle zone rosse, nonché per i soggetti che gestiscono ristoranti nelle zone arancioni. A prescindere dai requisiti legati a compensi e diminuzione del fatturato, anche tali imprese potranno corrispondere i versamenti sospesi, in un’unica soluzione, entro il 30 aprile.

Sul numero di domani di Eutekne.info tutti gli approfondimenti tecnici legati al provvedimento.

TORNA SU