X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le dichiarazioni in sede ispettiva superano quelle rese in giudizio

La Cassazione approfondisce il valore delle dichiarazioni assunte in sede amministrativa e giudiziale

/ Gianpaolo ALICE

Giovedì, 7 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Suprema Corte, mediante la pronuncia n. 24208 del 2 novembre 2020, è intervenuta sulla valutazione complessiva di maggior (e dirimente) rilievo attribuito alle dichiarazioni rese agli ispettori verbalizzanti rispetto a quelle successivamente rese in giudizio.
Così ritenute più attendibili e logiche quelle riferite dagli “interessati ai verbalizzanti, nell’immediatezza dei fatti”, rispetto alle circostanze “da essi riferite in sede di deposizione in giudizio”; si tratta di apprezzamenti di fatto contestabili nei limiti posti dal n. 5 dell’art. 360, 1° comma c.p.c.

È da premettere, quanto all’onere di provare la sussistenza dei presupposti dell’obbligazione contributiva, che vale la regola per la quale, in tema di riparto dell’onere della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU