X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rivalutazione dei beni d’impresa da verificare in caso di transfer pricing

Chi, operando in contesti multinazionali, ha una remunerazione basata sulla maggiorazione percentuale dei costi operativi deve valutare attentamente

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 110 del DL 14 agosto 2020 n. 104 ha introdotto, per i soli soggetti che redigono il bilancio d’esercizio secondo i principi contabili nazionali, la rivalutazione “generale” dei beni d’impresa e delle partecipazioni risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2019. Con tale agevolazione il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione può essere riconosciuto ai fini IRES e IRAP, assoggettandolo a un’imposta sostitutiva pari al 3%. Il saldo attivo della rivalutazione può essere inoltre affrancato versando un’imposta sostitutiva del 10%.

Il beneficio fiscale della rivalutazione consiste nel riconoscimento di una maggiore quota di ammortamento dei beni interessati (o di una minore plusvalenza, in caso di cessione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU