X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Trattamento controverso dei crediti da leasing nell’ammissione al passivo

Il principio di diritto enunciato dalla Cassazione ha riflessi complicati

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 21 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il trattamento, in sede di ammissione al passivo del fallimento, dei crediti derivanti da contratti di leasing ha, da sempre, rappresentato uno tra gli aspetti più controversi, a principiare dall’individuazione dei confini dell’art. 72-quater del RD 267/42.

Nel primo contrasto applicativo deve darsi atto di una dottrina, avallata da una certa giurisprudenza di merito, che ne riteneva l’applicabilità anche ai contratti risolti prima dell’apertura della procedura, facendo leva sul richiamo all’art. 1526 c.c.. Soluzione questa, che non aveva trovato consensi nella giurisprudenza di legittimità la quale ravvisava nell’art. 72-quater del RD 267/42 una disposizione di carattere speciale, destinata a rimanere confinata negli angusti limiti segnati dal suo tenore

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU