X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Il rifiuto di vaccinarsi mette a rischio la sicurezza sul lavoro

Il datore di lavoro ha l’obbligo di garantire la salute adottando misure idonee

/ Sergio PASSERINI

Giovedì, 21 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’avvio del piano vaccinale contro il COVID-19, la rilevazione INAIL di un forte incremento dei casi di origine lavorativa di contagio da coronavirus e i recenti interventi sul punto di alcuni autorevoli giuristi (ad esempio Guariniello, Ichino, Mazzotta, Riverso, Scarpelli, ecc.) hanno acceso nelle scorse settimane un’ampia e interessante discussione sulla configurabilità della vaccinazione quale vero e proprio obbligo nell’ambito del rapporto di lavoro.
Come poi era prevedibile, giungono con sempre maggiore frequenza segnalazioni della presenza di lavoratori che, chiamati a vaccinarsi, non danno la propria disponibilità. Per ora, dato che siamo ai primi passi del piano vaccinale, si tratta di personale di strutture sanitarie e di residenze sanitarie assistenziali, ma è prevedibile

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU