X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Rilevazione della fiscalità differita con analogie tra scissione e fusione

Le modalità di rilevazione nelle fusioni per incorporazione risultano in linea di principio applicabili alle scissioni a favore di beneficiarie preesistenti

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 26 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dal punto di vista contabile, le operazioni di scissione sono soggette ai principi generali di contabilizzazione tracciati per le fusioni dall’art. 2504-bis c.c., per effetto dell’espresso rinvio operato dall’art. 2506-quater c.c.
Ne consegue che gli elementi che fanno parte del patrimonio della società scissa devono essere “trasferiti” alle società beneficiarie in perfetta continuità di valori contabili, salvo poi l’allocazione sui medesimi, o la separata iscrizione a titolo di avviamento, dell’eventuale disavanzo che dovesse emergere in capo alla beneficiaria per effetto dell’operazione.

Nel caso in cui ciò si verifichi, i maggiori valori iscritti dalla società beneficiaria per effetto dell’allocazione del disavanzo di fusione generano un ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU