X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente nota di variazione con rivalsa IVA successiva nel fallimento infruttuoso

La natura civilistica della rivalsa si riflette sugli strumenti a tutela del credito per il cedente

/ Simonetta LA GRUTTA e Antonio NICOTRA

Mercoledì, 20 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta a interpello n. 49 pubblicata ieri, ha chiarito che l’IVA addebitata in rivalsa, ex art. 60 comma 7 del DPR 633/72, e non pagata dal cessionario successivamente fallito, non può essere recuperata attraverso il meccanismo della nota di variazione, ex art. 26 comma 2 del DPR 633/72, in seguito all’infruttuosità della procedura fallimentare.

Nella fattispecie in esame, l’istante, versata la maggiore IVA accertata unitamente agli interessi e alle sanzioni, esercitava, inutilmente, la rivalsa “successiva” nei confronti del cessionario. In esito alla procedura fallimentare del cessionario, aperta su istanza del cedente, il curatore fallimentare precisava nel conto della gestione, ex art. 116 del RD 267/42, l’impossibilità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU