X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

L’autodifesa in giudizio esclude la ricettazione di dati informatici

Rileva la necessità di portare le informazioni ricevute a conoscenza dell’autorità giudiziaria per impedire esiti dannosi per famiglia e azienda

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 22 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dopo lunghi anni di processi, la Corte di Cassazione ha definitivamente escluso la responsabilità penale per ricettazione di dati informatici del presidente di una delle principali aziende di telecomunicazioni italiane. Si tratta della pronuncia n. 2457, le cui motivazioni sono state depositate ieri.

Oltre agli aspetti legati alla cronaca – stante la notorietà dei fatti e dell’imputato – è interessante analizzare alcuni elementi prettamente giuridici.
Molto sinteticamente la contestazione riguardava il reato di ricettazione (art. 648 c.p.) derivante dal trasferimento di dati informatici sottratti ad un’agenzia investigativa.

A seguito di una condanna in primo grado, la Corte d’appello aveva invece assolto con formula piena il legale rappresentante. La Cassazione conferma tale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU