X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Raddoppio dei termini per violazioni penali cumulabile con altre proroghe

La Cassazione «scorda» di richiamare il passo della sentenza n. 247/2011 che lo vieta

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 23 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base agli artt. 43 del DPR 600/73 e 57 del DPR 633/72, sino al periodo d’imposta 2015 (dichiarazioni da presentare nel 2016), se, entro i termini ordinari di decadenza, è stata presentata denuncia penale per uno dei reati del DLgs. 74/2000, i termini di accertamento sono raddoppiati. Tale raddoppio è stato abrogato dalla L. 208/2015, con decorrenza dal periodo d’imposta 2016.

Prima delle modifiche del DLgs. 128/2015, il raddoppio operava automaticamente se erano presenti gli estremi per la presentazione della denuncia, quand’anche fossero emersi a termini ordinari decaduti e quand’anche la denuncia non fosse mai stata presentata.
Un’altra causa di proroga dei termini era data dall’art. 10 della L. 289/2002, secondo cui per i contribuenti che non avevano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU