X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’associazione professionale non può dedurre i costi per l’attività individuale

Nell’applicazione degli studi di settore, associazione professionale e associati sono soggetti autonomi e indipendenti

/ Alessandro COTTO e Paola RIVETTI

Sabato, 23 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’ordinanza n. 1290/2021 pubblicata ieri dalla Corte di Cassazione merita un commento perché afferma un principio in linea astratta scontato, ma la cui applicazione pratica non è sempre agevole.
Secondo la Suprema Corte, nel caso in cui un professionista eserciti l’attività tanto in forma individuale quanto in forma associata, non è consentito all’associazione dedurre i costi riferibili all’attività individuale. In tale caso, infatti, si incide in modo illegittimo sulla correlazione tra costi e compensi funzionale alla corretta rappresentazione reddituale dell’associazione professionale e dei singoli soci.
Quindi, nel caso in cui in capo all’associazione vi siano tutti i costi di struttura (canoni di locazione, utenze, personale, ammortamenti) riconducibili ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU