X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

PROFESSIONI

Trentamila professionisti in meno a causa della pandemia

Secondo il Rapporto realizzato da Confprofessioni, nei primi sei mesi del 2020 il comparto del lavoro indipendente ha perso 170 mila occupati

/ Savino GALLO

Martedì, 26 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nei primi sei mesi del 2020 l’intero comparto del lavoro indipendente ha perso oltre 170 mila occupati, di cui circa 30 mila liberi professionisti. A fare i conti sull’impatto della pandemia è il “V Rapporto sulle libere professioni in Italia”, realizzato da Confprofessioni. Secondo lo studio, che verrà presentato ufficialmente questa mattina, i settori professionali più colpiti sono quelli legati a commercio, finanza e immobiliare (-14% nel primo trimestre del 2020), area tecnica (-5,7%) e amministrativa (-2,5%), ambito quest’ultimo di cui fanno parte anche i commercialisti.

Bilancio negativo che fa il paio con quello che si registra con riferimento ai professionisti-datori di lavoro, che nel primo trimestre 2020 sono diminuiti del 16,7% rispetto allo stesso periodo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU