X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Sequestro di tutte le somme ricevute con truffa verso un ente pubblico

La Suprema Corte precisa che soltanto la presenza di un esatto adempimento giustifica l’erogazione della somma di denaro

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 28 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche è uno dei reati che spesso dà vita nella prassi giudiziale a una contestazione anche nei confronti delle società ai sensi del DLgs. 231/2001.
Una delle questioni più controverse in materia riguarda l’individuazione del profitto del reato, ai fini del sequestro e/o della successiva confisca.
Su questo tema si sofferma la sentenza n. 3439 della Corte di Cassazione, depositata ieri, che ha confermato il sequestro preventivo, sia diretto che per equivalente, per la somma di più di 3 milioni e mezzo di euro nei confronti di una società per azioni che aveva ricevuto contributi dalla Regione Sicilia.

Va ricordato in proposito che il profitto del reato oggetto della confisca di cui all’art. 19 del DLgs. 231/2001 si identifica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU