X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La denuncia al Tribunale vale l’allerta esterna

Assonime invita a ripensare, per tempo, la procedura del DLgs. 14/2019 alla luce delle indicazioni di un recente provvedimento del Tribunale di Milano

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 28 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Assonime, nel Caso n. 2/2021, si sofferma sul provvedimento 18 ottobre 2019 del Tribunale di Milano, perché costituisce una delle prime pronunce che applica il nuovo art. 2086 comma 2 c.c., come inserito dal DLgs. 14/2019 (Codice della crisi), che sancisce l’obbligo per gli amministratori di assicurare adeguati assetti all’impresa anche per prevenire la crisi, perché costituisce anche la prima applicazione del dovere di denuncia al Tribunale dei sindaci ex art. 2409 c.c. per l’inosservanza da parte degli amministratori di tale nuovo obbligo,e perché consente alcune riflessioni sull’efficacia degli strumenti di allerta e prevenzione interni al diritto societario, già vigenti, in relazione alle misure previste dal Codice della crisi, la cui entrata in vigore è prevista

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU