X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Rivalutazione con recapture per la branch italiana

Il saldo attivo non affrancato è tassato all’atto del trasferimento della stabile organizzazione al di fuori dell’Italia

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 3 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La rivalutazione dei beni d’impresa compete, a norma dell’art. 15 della L. 342/2000 (richiamato in modo espresso dalle leggi successive in materia, compresa quella di cui all’art. 110 del DL 104/2020), anche alle società non residenti con stabile organizzazione in Italia. L’agevolazione dovrebbe essere limitata alle branch italiane che non redigono il bilancio secondo gli IFRS, pur se le norme di riferimento pongono questo prerequisito in capo alle sole società residenti.

Anche se la norma non lo prevede in modo espresso, dovrebbe risultare pacifico che per le società non residenti i beni rivalutabili sono solo quelli attribuibili alla stabile organizzazione: per le partecipazioni di controllo e di collegamento, ad esempio, occorrerebbe verificare se in capo alla S.O. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU