X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 4 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

La clausola di indicizzazione nel leasing non è uno strumento finanziario derivato

Si tratta di un meccanismo volto ad adeguare il pagamento dei canoni a un parametro certo

/ Cecilia PASQUALE

Martedì, 23 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La clausola di indicizzazione al cambio di valuta straniera inserita in un contratto di leasing “in costruendo” non integra uno strumento finanziario derivato, ma costituisce un meccanismo di adeguamento della prestazione pecuniaria; di conseguenza, non trova applicazione la disciplina di cui al DLgs. 58/98 (TUF). Questa la conclusione raggiunta dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 4659, depositata ieri.

Il caso oggetto di decisione riguardava un contratto di locazione finanziaria di immobile “in costruendo”, operazione con cui una società di leasing finanzia la costruzione dell’immobile e, al termine dell’esecuzione, l’utilizzatore corrisponde dei canoni periodici.

Poiché l’utilizzatore aveva strutturato l’operazione in franchi svizzeri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU