X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

In Gazzetta il decreto che vieta gli spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo

/ REDAZIONE

Mercoledì, 24 febbraio 2021

x
STAMPA

Entra in vigore oggi il DL 23 febbraio 2021 n. 15, pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale, che vieta fino al 27 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse Regioni o Province autonome, salvi quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità o per motivi di salute. Come nelle precidenti norme, è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Il decreto prolunga così il precedente divieto fino al 25 febbraio (si veda “Divieto di spostamento tra Regioni prorogato al 25 febbraio” del 13 febbraio 2021). 

Il DL 15/2021 ridefinisce inoltre le zone “a colori” introducendo la “zona bianca” nei territori dove l’incidenza settimanale di contagi è inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive e che si collocano in uno scenario di tipo 1, con un livello di rischio basso. Attualmente nessuna Regione è zona bianca. 

Infine, sempre fino al 27 marzo 2021, è consentito, nella zona gialla in ambito regionale e nella zona arancione in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le 05:00 e le 22:00, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. La stessa misura non si applica, invece, alla zona rossa.

Qualora la mobilità sia limitata all’ambito territoriale comunale, sono comunque consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

TORNA SU