X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La solidarietà non può duplicare i pagamenti

/ Alfio CISSELLO e Caterina MONTELEONE

Giovedì, 11 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di obbligazioni solidali, l’Amministrazione finanziaria può scegliere se notificare l’atto di accertamento o l’avviso di liquidazione a tutti i condebitori o solo a uno. Qualora vengano notificati distinti atti, ciascun condebitore può autonomamente scegliere se impugnare l’atto e, in tal caso, nei confronti dell’altro condebitore ci sarà l’estensione del giudicato se favorevole, come prevede l’art. 1306 c.c.

Tale estensione è esclusa:
- nel caso in cui il coobbligato abbia eseguito spontaneamente (non quindi a seguito di atto impositivo, ma ad esempio stipulando un accordo di adesione) il pagamento (Cass. 12 ottobre 2005 n. 19850, Cass. 3 agosto 2005 n. 16332);
- qualora nei confronti del coobbligato che invoca l’art. 1306 c.c. si sia formato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU