X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Scelte imprenditoriali da valutare per la bancarotta fraudolenta per dissipazione

I confini del sindacato sulla gestione dell’impresa sono però individuati dall’interesse dei creditori alla conservazione della garanzia patrimoniale

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 26 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per valutare la sussistenza dell’ipotesi di bancarotta fraudolenta per dissipazione devono essere valutate le scelte imprenditoriali, ma i confini del sindacato sulla gestione dell’impresa fallita o insolvente sono individuati dall’interesse dei creditori alla conservazione della garanzia patrimoniale, non potendo applicarsi automaticamente all’ambito dei reati fallimentari il principio di business judgment rule.
Il principio si ritrova nella sentenza n. 7437 depositata ieri, con la quale la Cassazione, come riconosciuto espressamente in motivazione, ha trattato fatti di particolare complessità, sia da un punto di vista descrittivo che per i plurimi aspetti giuridici, tecnici ed economici affrontati nei diversi gradi di giudizio.

La vicenda giunta all’esame della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU