X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Possibile definire piani ferie collettivi al posto degli ammortizzatori sociali

In un contesto di crisi economica la contrattazione di secondo livello può individuare soluzioni alternative alla cassa integrazione

/ Marco MICARONI

Lunedì, 1 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In alcuni casi, nella contrattazione collettiva recente, le aziende hanno scelto, d’intesa con le organizzazioni sindacali, una strada alternativa rispetto all’utilizzo degli ammortizzatori sociali: un piano ferie collettivo per tutto il personale dipendente.
Al posto della cassa integrazione, in sostanza, le parti sociali decidono un percorso che non va a incidere né sui conti pubblici né sulle retribuzioni base dei lavoratori, individuando lo strumento gestionale della fruizione obbligatoria delle ferie come sufficiente per il raggiungimento dei necessari obiettivi di contenimento del costo del lavoro, in un contesto di grave crisi economica derivante dalla pandemia.

In linea generale, la decisione di fissare giornate di chiusura degli uffici o dello stabilimento appartiene alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU