X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Risponde del reato fiscale anche il coniuge-socio di minoranza

Secondo la Cassazione è responsabile perché «fisiologicamente contiguo»

/ Sandro GUERRA

Lunedì, 1 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Che l’art. 110 c.p., sul concorso di persone nel reato, sia norma ai confini della tipicità è già stato detto; che nella prospettiva del diritto penale tributario vivente, quello di matrice “giurisprudenziale”, esso sovente rappresenti il grimaldello per l’improprio ingresso di esigenze di politica criminale nel processo penale è fatto sicuramente meno noto, ma sempre più frequente, come dimostra la sentenza n. 5608/2021 della Cassazione.

Il caso: classica società a responsabilità “familiare”, con il marito amministratore e socio al 51% e la moglie priva di cariche sociali, ma titolare della restante quota del capitale. Se ne ipotizza il coinvolgimento in una frode c.d. carosello e il pubblico ministero dispone il sequestro “diretto ovvero per equivalente”

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU