X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

L’opzione di autodeterminazione Patent box può coesistere con il ruling su diversi beni

/ REDAZIONE

Sabato, 6 marzo 2021

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 153 pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che la procedura di autoliquidazione disciplinata dall’art. 4 del DL 34/2019 (c.d. opzione “oneri documentali” o “OD”) può coesistere con la procedura ordinaria Patent box con accordo di ruling ai sensi dell’art. 1 comma 39 della L. 190/2014, purché le stesse siano riferite a diverse opzioni (ad esempio, a diversi beni immateriali tra loro non complementari).

È quindi facoltà del contribuente scegliere il regime di determinazione del reddito agevolabile per ciascun bene immateriale o gruppo di beni immateriali legati da vincolo di complementarietà.

TORNA SU