X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La sterilizzazione delle perdite non è un fondato indizio di crisi da segnalare

Secondo il CNDCEC sarebbe una soluzione «eccentrica»

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 18 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il documento di CNDCEC e FNC sugli impatti della normativa emergenziale sui bilanci 2020 pubblicato ieri si sofferma, tra l’altro, anche sull’art. 6 del DL 23/2020 convertito, come sostituito dall’art. 1 comma 266 della L. 178/2020, in tema di perdite di capitale.
Il CNDCEC sembra propendere per l’interpretazione prevalente secondo la quale i vari commi del citato articolo debbano essere letti unitariamente, andando a costituire, nel loro complesso, una disciplina temporanea ed eccezionale. Ciò sebbene la posizione assunta da una dottrina minoritaria avrebbe il pregio di consentire un trattamento di favore anche alle perdite emerse negli esercizi successivi a quello in corso al 31 dicembre 2020, che potrebbero sommarsi a quelle già emerse durante il 2020.

Si osserva, quindi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU