X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le fatture passive non contabilizzate non incidono sulla soglia di punibilità

Gli importi possono essere calcolati solo nei casi in cui il mancato rispetto degli obblighi tributari non comporti un complessivo quadro di illegalità

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 19 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito della responsabilità penale per omessa dichiarazione IVA, la determinazione della soglia di punibilità, prevista dall’art. 5 del DLgs. 74/2000, non può tenere conto delle fatture passive non contabilizzate.
Così afferma la Corte di Cassazione nella sentenza n. 10382, depositata ieri, distinguendo il calcolo della soglia di punibilità tra l’omissione della dichiarazione IVA e quella relativa alle imposte dirette.

Nel caso di specie, l’amministratore unico di una società a responsabilità limitata era stato condannato per avere omesso di presentare le prescritte dichiarazioni fiscali, in tal modo evadendo le imposte sui redditi e sul valore aggiunto in misura superiore alla soglia di punibilità di 50.000 euro.

Può essere utile ricordare che l’art. 5 comma ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU