X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Perdita su crediti deducibile solo se certa e inerente

La cessione pro soluto deve essere economicamente conveniente

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Mercoledì, 7 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La cessione pro soluto di un credito, effettuata a un valore inferiore a quello nominale, genera una perdita su crediti e non una minusvalenza. Tale perdita su crediti, poi, è deducibile nel rispetto dei requisiti di cui all’art. 101 comma 5 del TUIR e, più in generale, a patto che tale perdita sia “inerente”, nel senso che la cessione del credito deve avvenire a un valore congruo e rispondere a ragioni di convenienza economica.
È questo il principio desumibile dalla lettura dell’ordinanza n. 5790/2021, con cui la Corte di Cassazione pare fare un passo indietro in tema di inerenza, discostandosi dalla nozione di inerenza puramente “qualitativa”, da ultimo prevalente.

Il caso prende le mosse da una complessa operazione di ristrutturazione, nell’ambito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU