X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Elenco «E-commerce P4I» per dichiarare in dogana dati ridotti

I corrieri espresso e gli altri operatori economici dovranno presentare la domanda di iscrizione entro il 22 aprile 2021

/ Lorenzo UGOLINI

Giovedì, 8 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la determinazione direttoriale n. 100615 pubblicata ieri, l’Agenzia delle dogane stabilisce i criteri in forza dei quali i corrieri espresso e gli altri operatori economici potranno accedere, relativamente alle importazioni derivanti da vendite a distanza in e-commerce, a procedure dichiarative con dati ridotti a seguito dell’ottenimento di una specifica autorizzazione. Tale agevolazione riguarda unicamente le spedizioni di valore trascurabile, ricondotto a due differenti soglie (22 euro oppure 150 euro), destinate a soggetti privati.

I soggetti autorizzati sono iscritti in un apposito elenco, istituito presso la Direzione Dogane e denominato “e-commerce P4I” (platform for import), in sezioni distinte in base alla categoria di soggetto autorizzato (Corrieri Espresso – Altri operatori economici) e con l’indicazione della soglia di riferimento (22 o 150 euro).

I soggetti autorizzati, dopo i controlli di sicurezza, potranno effettuare le formalità dichiarative in procedura ordinaria presso luogo approvato, con indicazione, al campo 33 del DAU, del codice convenzionale 9990 9909 00 anziché dello specifico codice di nomenclatura combinata identificativo della merce introdotta. Tale semplificazione, inoltre, trova applicazione anche alle importazioni svolte “in linea”, ossia in procedura ordinaria presso dogana.

I soggetti autorizzati devono garantire, a pena di decadenza, la corretta compilazione della dichiarazione doganale a dati ridotti e, per ogni carico di merce in arrivo in Italia, devono fornire sia il dato relativo al valore e alla qualità/descrizione delle merci presenti sul mezzo di trasporto, sia un elenco riepilogativo delle singole transazioni con relativa documentazione, che consenta di verificare la corretta indicazione dei diritti dovuti e l’assenza di vincoli e/o limitazioni sui prodotti importati.

Ai sensi dell’art. 4 della determinazione in esame, l’iscrizione alla sezione “Altri operatori economici” è subordinata alla dimostrazione, da parte del richiedente, della sussistenza dei seguenti requisiti:
- 2.000 operazioni minime mensili, per le autorizzazioni efficaci dal 7 aprile 2021; nessun numero di operazioni minime mensili, per le autorizzazioni efficaci dal 1° maggio 2021;
- possesso, da parte dell’istante o dell’operatore doganale incaricato dallo stesso, dell’autorizzazione per lo sdoganamento presso “luogo approvato” nonché per “destinatario autorizzato transito”;
- utilizzo del codice EORI e possesso dell’autorizzazione AEO C+S;
- tracciabilità della filiera dall’origine del flusso logistico nel Paese terzo alla consegna della merce sul territorio nazionale, con possibilità di identificare precisamente le fasi dello spostamento delle merci;
- possibilità per l’Agenzia di accedere, ai fini dei controlli doganali, alla piattaforma “logistica” entro cui vengono svolte le operazioni, messa a disposizione dal soggetto;
- adeguata organizzazione del magazzino per consentire l’esecuzione dei controlli della merce;
- predisposizione di procedure e di un sistema di controllo interno che siano anche in grado di impedire/intercettare la presentazione di dichiarazioni doganali contenenti errori e/o inesattezze e che rendano disponibili all’Autorità doganale l’accesso completo a ogni flusso logistico.

Oltre a tali requisiti, per ottenere l’autorizzazione alle spedizioni di valore fino a 150 euro, è altresì necessario essere titolari dell’autorizzazione alla dilazione di pagamento e alla costituzione di garanzia globale, nonché, dal 10 maggio 2021, avere la disponibilità dell’avvio della sperimentazione operativa, in ambiente reale, del tracciato (H7) per tutte le dichiarazioni di valore da 22 a 150 euro (cfr. Agenzia delle Dogane nota n. 466876/2020). Per tali spedizioni, si ricorda che dal 15 giugno prossimo è obbligatorio l’utilizzo del messaggio H7 in ambiente reale.

Sotto il profilo procedurale, infine, l’operatore deve presentare istanza entro il 22 aprile 2021 presso l’Ufficio delle Dogane competente sul luogo di tenuta delle scritture contabili principali ai fini doganali. Il provvedimento di accoglimento della domanda è assunto dalla Direzione Dogane, la quale inserisce il soggetto nell’apposito elenco.

TORNA SU