X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il conferente dell’azienda resta titolare del saldo attivo di rivalutazione

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 30 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Considerato che il conferimento d’azienda è un’operazione fiscalmente neutra ai sensi dell’art. 176 del TUIR, il trasferimento di un bene che è stato oggetto di rivalutazione non fa venire meno gli effetti di tale disciplina agevolativa.

Tale impostazione vale anche nel caso in cui il conferimento d’azienda si verifichi nel corso del c.d. “periodo di moratoria fiscale”, ossia nell’intervallo temporale che la norma pone tra il perfezionamento della rivalutazione e il riconoscimento fiscale dei maggiori valori iscritti.
Quanto illustrato sopra può essere utilmente applicato al regime di rivalutazione dei beni d’impresa introdotto dall’art. 110 del DL 14 agosto 2020 n. 104 (conv. L. 126/2020), che deve essere effettuato nel bilancio dell’esercizio

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU