X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Da Assonime richiesta di proroga per la dichiarazione IVA

Ciò eviterebbe il blocco del credito dovuto ai versamenti sospesi per il coronavirus

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Sabato, 17 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella circolare n. 11 pubblicata ieri, Assonime suggerisce di prorogare, possibilmente al 30 giugno 2021, il termine di presentazione della dichiarazione IVA per il 2020, al fine di consentire ai soggetti passivi di eseguire i versamenti sospesi per l’emergenza da coronavirus sino a tale data. In questo modo, sarebbe possibile considerare detti versamenti nella determinazione del credito IVA che emerge dal rigo VL33 della dichiarazione, evitando che il credito resti “bloccato” e torni disponibile solo attraverso la compilazione del quadro VQ delle dichiarazioni IVA relative alle prossime annualità.

Come previsto dalle istruzioni della dichiarazione IVA per il 2020, infatti, se la somma degli importi dei crediti (VL4 + VL11 campo 1 + VL12 campo 1 + righi da VL24 a VL31) supera ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU