X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Data certa non per forza contestuale alla redazione della scrittura privata

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 3 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In ambito processuale, ma anche in occasione degli incontri finalizzati all’accertamento con adesione, i documenti, in particolar modo le scritture private, stipulati dal contribuente assumono più rilevanza se hanno data certa.

Anzi, se si intende accogliere l’orientamento di una certa giurisprudenza, assumono rilievo solo se hanno data certa.
Si veda la Cassazione 13 ottobre 2020 n. 22045, e, ancora più di recente, la Cassazione 12 marzo 2021 n. 7002. In quest’ultima fattispecie, si trattava di scritture private non registrate inerenti a costi di ristrutturazione di immobili.

Ai sensi dell’art. 2704 c.c., “La data della scrittura privata della quale non è autenticata la sottoscrizione non è certa e computabile riguardo ai terzi se non dal giorno in cui la scrittura ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU