X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Forma giuridica e qualifica di OICVM non decisive per comparare fondi esteri e nazionali

La Corte di Giustizia dell’Unione europea si è espressa sul principio di libera circolazione dei capitali

/ Paolo ARGINELLI e Mario TENORE

Venerdì, 7 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza relativa alla causa C-480/19 del 29 aprile 2021, la Corte di Giustizia dell’Unione europea (“CGUE”) è tornata ad esprimersi in materia di comparabilità degli organismi d’investimento collettivo in valori mobiliari (“OICVM”), con specifico riferimento a rendimenti corrisposti ad un contribuente persona fisica residente in Finlandia da parte di una SICAV di diritto lussemburghese, costituente un OICVM con “forma societaria (società di investimento)“ ai sensi dell’art. 1, par. 3, della direttiva 2009/65/Ce.

In base al diritto finlandese, gli OICVM di diritto finlandese potevano, all’epoca dei fatti, essere costituiti esclusivamente in forma contrattuale e i redditi da essi corrisposti erano assoggettati ad imposta con l’applicazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU