X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Banche centrali sempre estremamente accomodanti

Un ritorno verso la piena occupazione non necessariamente porta aumenti di inflazione

/ Stefano PIGNATELLI

Martedì, 11 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La segretaria del Tesoro Usa, Janet Yellen, recentemente ha affermato che i tassi d’interesse degli Stati Uniti potrebbero dover aumentare per evitare che l’economia si surriscaldi con l’entrata in vigore di altri programmi d’investimento economico voluti dal presidente Biden.

Poco dopo però – in scia al pesante sell-off dei titoli tecnologici sulla piazza Usa e all’aumento dei tassi dei Treasuries sulla parte lunga della curva – la stessa Yellen ha corretto il tiro affermando di non vedere problemi legati all’inflazione. A parte questo “inciampo”, la comunicazione delle banche centrali continua ad essere estremamente accomodante.

Una serie di interventi da parte di membri delle banche centrali hanno sottolineato come la “stance” sui ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU