X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Stralcio divisionale con registro all’1% sul valore della massa comune

La quota attribuita deve però corrispondere a quella di diritto

/ Anita MAURO

Martedì, 18 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’atto, stipulato in Italia, con il quale, facendo seguito ad un primo atto di divisione stipulato all’estero, gli eredi, residenti in Italia, realizzano lo stralcio divisionale, dalla comunione ereditaria conseguente alla morte di un soggetto residente all’estero, degli immobili siti in Italia, va soggetto all’imposta di registro a norma dell’art. 3 del DPR 131/86, in quanto atto stipulato in Italia.

L’atto sconta l’imposta di registro dell’1% se ad ogni condividente vengono assegnati beni di valore pari alla propria quota di diritto. La base imponibile, in tal caso, non è costituita dall’intera massa ereditaria, bensì dalla sola quota di beni oggetto di stralcio divisionale.

Lo afferma l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU